Impianti di prima pioggia in accumulo

L’impianto comprende un pozzetto scolmatore, un sistema di accumulo con valvola di chiusura automatica e pompa sommersa temporizzata, un sistema di trattamento di dissabbiatura e disoleatura dimensionato secondo normativa UNI-EN858-1 e conforme alle richieste del D.lgs 152/06

Utilizzo e specifiche
1. POZZETTO SCOLMATORE: convoglia le acque di pioggia raccolte dal piazzale al serbatoio di accumulo e, quando questo è pieno, le acque di seconda pioggia direttamente allo scarico finale attraverso la tubazione di by-pass
2. SERBATOIO DA ACCUMULO: è dimensionato per il contenimento delle acque di prima pioggia di un evento meteorico pari ai primi 5 mm di precipitazione distribuiti uniformemente sulla superficie di raccolta. Sulla tubazione di ingresso è presente una valvola di chiusura a galleggiante. La presenza di una pompa temporizzata permette di svuotare il serbatoio a portata costante e di convogliare il refluo al sistema di depurazione con un ritardo di 48-96 ore dalla fine dell’evento meteorico. Tale tempo permette di separare dal refluo il materiale solido in sospensione.
3. QUADRO ELETTRICO: per il comando della pompa di rilancio, attiva la partenza della pompa di rilancio delle acque di prima pioggia con un ritardo regolabile. Per legge tale ritardo deve essere compreso tra le 48 e le 96 ore dalla fine dell’evento meteorico.
4. SISTEMA DI DEPURAZIONE: composto, a seconda da modello, da un dissabbiatore e da un deoliatore con filtro a coalescenza per la depurazione delle acque di prima pioggia accumulate nel serbatoio e rilanciate dalla pompa a portata costante.
5. POZZETTO PRELIEVI FISCALI: per il prelievo di campioni di refluo all’uscita dell’impianto di depurazione.
CARATTERISTICHE TECNICHE

L’impianto comprende un pozzetto scolmatore, un sistema di accumulo con valvola di chiusura automatica e pompa sommersa temporizzata, un sistema di trattamento di dissabbiatura e disoleatura dimensionato secondo normativa UNI-EN858-1 e conforme alle richieste del D.lgs 152/06. L’impianto è dimensionato per trattare i primi 5 mm di pioggia in quanto solo in esse sono presenti le sostanze inquinanti secondo quanto indicato dalla L.R. Lombardia 27 maggio 1985 n. 62. Una volta riempita la vasca di accumulo le successive piogge, definite secondarie e teoricamente non inquinate, confluiranno direttamente nel corpo recettore grazie al pozzetto scolmatore posizionato a monte della vasca stessa. L’acqua inquinata stoccata viene quindi rilanciata da una pompa sommersa che si attiva mediante quadro elettrico che regola lo svuotamento dell’accumulo in modo che dopo 48/96 ore dall’evento di pioggia il sistema sia pronto per un nuovo ciclo di funzionamento. L’efficacia dell’impianto è per i seguenti parametri:
• Solidi sedimentabili.
• Idrocarburi totali ed altri liquidi leggeri non emulsionati aventi peso specifico sino a 0.85 g/cm3.
• La portata di punta m3/h per ogni singolo modello dove non espressamente indicato deve essere inferiore ai limiti
indicati sulla scheda tecnica.
• La superficie (m2) del piazzale da trattare per ogni singolo modello, dove non espressamente indicato, deve essere
minore o uguale ai limiti indicati sulla scheda tecnica.
• Per quanto non espressamente indicato si fa riferimento ai dati di progetto indicati sulla scheda tecnica.

IMPIEGO: trattamento delle acque di scolo di superfici scoperte di piazzali, parcheggi, strade, aree di servizio, magazzini,…

NORMATIVE DI RIFERIMENTO: D.lvo 152/2006, norma UNI EN 858-1 (deoliatore), norme regionali sul trattamento delle
acque di prima pioggia.

ESEMPIO DI INSTALLAZIONE
ACCESSORI DISPONIBILI
Quadro elettrico temporizzato (compreso nella fornitura)
Quadro elettrico di avviamento pompa per impianto di prima pioggia. Il comando di avvio può essere manuale o automatico mediante timer di avviamento. Per regolare il timer ed impostare il tempo di ritardo a 24 ore, seguire le istruzioni come da scheda tecnica allegata. Il quadro è anche dotato di allarme visivo (accensione di spie luminose). L’alimentazione è monofase (ambiente domestico: 230 V).
Sensore di pioggia (su richiesta)
Sensore per il comando della/e pompa/e di un impianto di prima pioggia. Accoppiato al quadro elettrico, permette di azionare automaticamente il timer una volta terminata la precipitazione meteorica. In questa maniera nell’impianto viene trattata esclusivamente l’acqua di prima pioggia di ciascun evento meteorico indipendentemente dalla durata e dall’intensità dello stesso.
Pozzetto contalitri (su richiesta)
Materiale: pozzetto in monoblocco di polietilene lineare ad alta densità (LLDPE)
con tappo di ispezione in PP, con alloggiato contalitri volumetrico a turbina.
Applicazione: Il pozzetto contalitri è installato, dove richiesto, a valle di un serbatoio di accumulo delle acque di prima pioggia e ha la finalità di misurare la
quantità di acqua che viene mandata a trattamento e quindi scaricata
Richiedi maggiori informazioni
Per richieste di preventivo, o qualsiasi altra informazione riguardo al prodotto, non esitare a contattarci!