Stazioni di sollevamento Enne Sol

Le stazioni di sollevamento per acque nere sono sistemi che permettono di sollevare e trasferire reflui verso stazioni poste a quote superiori (sistemi fognari, sistemi di depurazione). Sono necessarie, ad esempio, quando la quota degli scarichi del WC è più bassa dell’impianto di depurazione o delle condotte fognarie (scantinati, locali interrati, ecc.) e anche quando il profilo idraulico del sistema di depurazione non riesce a svilupparsi per gravità

Utilizzo e specifiche
1. ELETTROPOMPA SOMMERSA
2. GALLEGGIANTE DI COMANDO
3. FUNE/CATENA PER ESTRAZIONE POMPA
4. VALVOLA ANTIRIFLUSSO A PALLA IN GHISA
5. TUBAZIONI IN USCITA
CARATTERISTICHE TECNICHE

Le stazioni di sollevamento per acque nere sono sistemi che permettono di sollevare e trasferire reflui verso stazioni poste a quote superiori (sistemi fognari, sistemi di depurazione). Sono necessarie, ad esempio, quando la quota degli scarichi del WC è più bassa dell’impianto di depurazione o delle condotte fognarie (scantinati, locali interrati, ecc.) e anche quando il profilo idraulico del sistema di depurazione non riesce a svilupparsi per gravità.

La stazione consiste di una vasca di accumulo in polietilene lineare ad alta densità (LLDPE) di varie dimensioni all’interno della quale è installata una elettropompa sommersa. Nel caso di portate dei reflui da sollevare molto elevate e/o variabili e quando sia necessaria la presenza di una pompa di riserva sono previsti modelli a doppia pompa. Le pompe sono collegate ad opportuni quadri elettrici in modo tale che il comando di avvio possa essere, a seconda delle esigenze, manuale o automatico mediante galleggianti di marcia/arresto posizionati all’interno della cisterna.

Le stazioni di sollevamento, a seconda delle esigenze, possono essere equipaggiate con diverse tipologie di pompe caratterizzate da diverse prevalenze, portate e pressioni d’esercizio. Per pompe con caratteristiche particolari contattare l’ufficio tecnico ROTOTEC.

IMPIEGO: rilancio a quote superiori di acque reflue pretrattate e non, acque piovane, ecc.

SCHEMA DI INSTALLAZIONE
POMPE PER STAZIONI DI SOLLEVAMENTO
Pompe a girante multicanale
Elettropompe sommerse con girante multicanale aperta a rasamento. Sono ideali per il rilancio di acque chiare e torbide senza corpi solidi e filamentosi come ad esempio acque piovane e acque reflue depurate
Pompe a girante arretrata
Elettropompe sommerse con girante arretrata o vortex. Sono ideali per il rilancio con bassa prevalenza (<8 mt) di liquidi luridi anche con corpi solidi o filamentosi in sospensione come acque derivanti da terreni acquitrinosi e acque nere civili non trattate
Pompe a girante trituratrice
Elettropompe sommerse con girante trituratrice. Sono ideali per il rilancio di liquidi luridi anche con corpi solidi o filamentosi in sospensione come acque derivanti da terreni acquitrinosi e acque nere civili non trattate. La riduzione dei solidi in piccoli frammenti e la elevata pressione generata dalla pompa, permettono il superamento dei notevoli dislivelli
QUADRI PER STAZIONI DI SOLLEVAMENTO
Quadro elettrico diretto per stazione di sollevamento a singola pompa
Quadro elettrico di avviamento pompa per acque nere a supporto di stazione di sollevamento. Il comando di avvio può essere manuale o automatico mediante galleggianti di marcia-arresto posizionati all’interno della cisterna. Dotato di allarme visivo (accensione di spie luminose), è anche predisposto per il collegamento del dispositivo di allarme acustico autoalimentato (mod. QALARM)
per segnalare guasti anche in mancanza di corrente elettrica. L’alimentazione può essere sia monofase (ambiente domestico: 230 V) che trifase (ambiente industriale: 400 V)
Quadro elettrico diretto per stazione di sollevamento a doppia pompa
Quadro elettrico di avviamento che consente l’attivazione della modalità marcia alternata o contemporanea di n°2 pompe per acque nere a supporto di stazione di sollevamento. Il comando di avvio può essere manuale o automatico mediante una serie di galleggianti di marcia-arresto posizionati all’interno della
cisterna su diversi livelli. Dotato di allarme visivo (accensione di spie luminose),
è anche predisposto per il collegamento del dispositivo di allarme acustico (mod. QALARM) per segnalare guasti. L’alimentazione può essere sia monofase (ambiente domestico: 230 V) che trifase (ambiente industriale: 400 V)
Quadro elettrico di unità allarme
Dispositivo di allarme acustico/luminoso per segnalare guasti, predisposto per il collegamento con quadri elettrici di avviamento di pompe per acque nere o con galleggiante di livello (troppo pieno). Da installare nelle stazioni di sollevamento
Richiedi maggiori informazioni
Per richieste di preventivo, o qualsiasi altra informazione riguardo al prodotto, non esitare a contattarci!